Can Italy’s Tammany Hall survive Lucia Borgonzoni’s surge?   

Italians go to the polls today in two Regions (Emilia-Romagna and Calabria) to elect the Governors of the two Regions and the representatives of each Region’s Legislature. Calabria is a small southern region of local importance. But Emilia-Romagna is another matter altogether! It is the agricultural and industrial heartland of the North, with its rich, capital-intensive farms and world-renowned motor valley teeming with industrial plants of all shapes and sizes. Economically, with only some 5 million inhabitants, Emilia-Romagna rivals Lombardy in GDP. Politically, it is important because this Region adhered to both Fascism and Communism.

Can the young woman challenger, Lucia Borgonzoni, supported by Matteo Salvini and the League beat the incumbent Stefano Bonaccini, whose Democratic party has ruled the regions of Emilia-Romagna, Tuscany, Marche, and Umbria, since the end of WW II? Recently, the Dems lost their grip on Umbria, where another woman candidate took 57% of the votes, leaving the center-left candidate backed by the Dems and M5S a distant second with only 37,49%  of the votes. Recent polls have the League in the lead by a margin of 5%. If Matteo pulls it off and this author believes he can, the Conte government can be expected to go into sudden-death overtime.

 

Ce la farà la Tammany Hall bolognese a resistere alla scalata della Leghista Lucia Borgonzoni?

Oggi gli Italiani andranno alle urne in due regioni (Emilia-Romagna e Calabria) per eleggerne i rispettivi Governatori e legislatori. Se la Calabria è una piccola regione di importanza locale, L’Emilia-Romagna costituisce una regione di importanza, addirittura globale. La regione infatti rappresenta il cuore non solo dell’industria agro-alimentare, ma anche dell’industria leggera e manifatturiera, i cui prodotti sono apprezzati e commercializzati in tutto il Mondo. Economicamente, con i suoi ca. cinque milioni di abitanti, la regione ha un PIL secondo soltanto a quello della Lombardia che di abitanti, però, ne ha il doppio. Politicamente, poi, la singolarità di questa regione è di aver aderito sia al fascismo sia al comunismo.

La domanda che tutti si pongono è se la giovane sfidante bolognese Lucia Borgonzoni, appoggiata dalla Lega e dal suo Capitano Matteo Salvini, riuscirà a battere il Governatore in carica Stefano Bonaccini, scafato leader modenese di quel Partito ‘Democratico’ che ha governato le regioni dell’Emilia-Romagna, Toscana, Marche ed Umbria ininterrottamente dalla fine della seconda guerra mondiale. Recentemente, il PD ha perso l’Umbria ad un’altra candidata della Lega che ha vinto con il 57% dei voti, staccando il candidato della coalizione di centro sinistra (PD – M5S) finito secondo con solo il 37,49% dei voti. Recenti sondaggi darebbero la Lega in testa con un margine del 5%. Se il Capitano dovesse farcela, il governo Conte entrerebbe presto in difficoltà.

 

 


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.